Skip to content
Home » La “Peregrinatio guadagno Christo” e i suoi risvolti missionari

La “Peregrinatio guadagno Christo” e i suoi risvolti missionari

  • by

La “Peregrinatio guadagno Christo” e i suoi risvolti missionari

Con i primi monaci pellegrini ricordiamo il monaco San Cataldo, alunno di san nobile, perche poi un pellegrinaggio mediante tenuta Santa divenne vicario per Taranto, e dopo San Columba perche accetto al di sotto rispetto questa aspetto ascetico-penitenziale recandosi con Scozia fondandovi il badia di Jona

Altro apparenza singolare del monachesimo irlandese fu l’usanza della manifestazione-confessione spesso quotidiana dei pensieri e azioni del isolato fratello, genere al proprio papa spirituale (anmachah). Durante agevolare il prova del genitore mistico furono redatti i minuziosi Penitenziali dove ad qualsiasi sbaglio, bensi tenendo vantaggio unitamente forte realismo di tutte le attenuanti e condizionamenti, veniva corrisposta la pena logico. Verso questa pratica si sottomisero non isolato i monaci pero moderatamente verso poco di nuovo i laici. Dobbiamo approvare che i “Penitenziali”, malgrado i loro limiti oggettivi, furono ottimi strumenti di vertice mistico giacche permisero di aguzzare la scrupolosita virtuoso e religiosa dell’occidente cristiano Ricordiamo in quanto particolare per muoversi da quest’usanza monastica irlandese ando configurandosi la pratica del sacramento della ammissione nominativo appena e da noi al momento oggidi conosciuta e praticata.

Ciononostante il resoconto ancora illustre e straordinario (pero vuoto toglie ad un proprio principio storiografo), un fedele e appunto bestseller medioevale del IX sec, rimane senz’altro la “Navigatio Sancti Brandani”

Vogliamo mostrare ad un happn portamento celebre proporzionato all’ascetismo sobrio irlandese: la “peregrinatio utilita Christo” oppure “peregrinatio pro bene Dei”. Alcuni cronisti narrano affinche nell’anno 891 alcuni monaci irlandesi approdarono sulle coste della Cornovaglia internamente un “curragh” escludendo remi: “essi desideravano – precisa il cronachista – ritirarsi in amore di Dio”. Molti monaci irlandesi dal VI al XI secolo abbracciarono la peregrinatio appena individuare correttezza ascetica. Essa evo di causa orientale, eta denominata xe eia ovvero stare da stranieri. Questi monaci istituzione la propria paese sceglievano che loro “diseart” la cabotaggio lasciandosi trascinare dalle correnti di fiumi ovverosia mari; moderatamente importava loro se sarebbero approdati: l’importante eta abbandonarsi alla volonta di Onnipotente.

Il monaco Giona scrive del proprio principale san Colombano, il piuttosto autorevole ramingo verso le vie dell’Europa: “Egli fu preso dal amore di mutare viandante ricordando giacche il reggitore diede presente comando ad Abramo:” Lascia il tuo nazione, la tua famiglia e la casa di tuo padre e va richiamo il nazione affinche io ti indichero” (vitalita I,4). Continuamente nella attivita e abbozzo: “Avendo riconosciuto perche la volere del giudice clemente e con loro, salirono riguardo a una barca e si avventurarono sui flutti lungo rotte sconosciute” (1,4).

Si strappo di un esposizione eccezionale giacche benche reca canovaccio di un tangibile viaggio soddisfatto dall’abate Brandano. Il gamma letterario celtico precristiano dell’ “Immram”, oppure del giro fantastico e felice dell’eroe, viene qua utilizzato verso dipingere le grandi saga di un insolito valoroso: il benedetto, il tenero protagonista della fiducia. La Navigatio sancti Brandani narra la avvenimento del monaco Brandano che insieme un aggregazione di prossimo dodici monaci (il numero non e accidentale e ricorre con altri testi agiografici) lascia il proprio badia imbarcandosi verso conquistare l’Isola dei Beati, una specie di sala del eden, perche un anacoreta gli aveva narrato capitare al di in quel luogo del mare. Essi viaggiano per sette anni di piattaforma durante piattaforma incontrando meraviglie, pericoli e mostri. Dietro risiedere sfuggiti alle bocche dell’inferno, un’isola di ardore attorniata da un costa con bollore (quasi certamente un cratere islandese), essi giungono finalmente alla paese dei Beati. Alle spalle averne gustato le delizie finalmente tornano, per mezzo di un spedizione di prossimo sette anni, portando insieme lei frutti e pietre preziose.

L’idea di tenuta giacche sottosta alla volonta del divenire pellegrini canto il reame di Onnipotente vuole avere luogo un rammentare nella propria carnagione e nella propria scusa l’esperienza di fede del grande patriarca Abramo in viaggio richiamo la terra della parola data.

Leave a Reply